Estro creativo, perseveranza e determinazione sono le doti che meglio descrivono Mattia Pisano, giovane sarto partenopeo.
Sarà possibile ammirare tutta la sua inventiva sfilare in passerella venerdì 14 ottobre, alle ore 20, a Hera Wedding Style Week.
I: Ci racconta lo stile di Mattia Pisano?
M: Mattia Pisano si può descrivere in questa frase: ha uno stile differente, si sente differente, è differente! La particolarità delle mie creazioni è data dal legame tra innovazione e tradizione sartoriale, una tradizione portata avanti dalla famiglia Pisano fin dal 1950. I miei abiti racchiudono tutta l’artigianalità di quel tempo, arricchendola con l’innovazione della modernità e attraverso quei valori che impreziosiscono le mie creazioni, trasformando un semplice abito in un vero pezzo d’arte fatto di tessuti importanti e raffinati. Ogni realizzazione di Mattia Pisano, poi, è un pezzo unico: così come ogni cliente è unico nel suo genere, anche l’abito che lo rappresenta diventa originale e irripetibile, proprio perché cucito addosso alla silhouette e alla personalità del cliente stesso.
I: Cosa a suo avviso dovrebbe caratterizzare sempre un abito da sposa, al di là delle mode del momento?
M: Io ritengo che la moda del momento sia da considerare più come un input dal quale partire, piuttosto che un imperativo. Ciò a cui dobbiamo guardare, nella creazione di un abito, è il cliente che ci è di fronte. La sua silhouette, il suo colorito, ma anche la personalità, il portamento, il savoir faire: sono tutti fattori da cui è possibile capire qual è l’abito perfetto per quello specifico cliente.
I: Cos’è che più le chiedono le spose quando entrano nel suo atelier?
M: Le spose e gli sposi che si rivolgono a me desiderano essere differenti, originali. Vogliono uno stile innovativo, che esprima il loro modo di essere e che li ponga al centro dell’attenzione nel loro giorno più importante. Vogliono essere notati e io rispondo loro che sono nel posto giusto.
I: Ci parla della collezione che potremo ammirare sulle passerelle di Hera Wedding Style Week il 14 ottobre?
M: Avrò il piacere di farvi ammirare una sfilata differente, qualcosa a cui non avete mai assistito. Vi mostrerò abiti eleganti, ricchi di stile, ma caratterizzati anche da particolari contrastanti, capaci di creare un effetto assolutamente spettacolare e unico nel suo genere.
I: C’è un abito dei sogni che non ha ancora realizzato?
M: Ci sono ancora tantissimi abiti che attendono di essere realizzati, ma ogni cosa a suo tempo. Del resto, come ogni opera d’arte, esiste un momento ideale perché una creazione venga alla luce, e io aspetto il momento propizio per dare vita ad idee straordinarie, così all’avanguardia e proiettate nel futuro che i miei clienti possono a stento immaginare.